Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

iRedOS-0.6.0: Open Source Mail Server con Postfix, Dovecot, Amavisd, ClamAV, SpamAssassin, RoundCube

iRedMail è uno script di shell che consente di distribuire rapidamente una soluzione Open Source Mail Server in meno di 2 minuti.

  • Esso supporta Red Hat(R) Enterprise Linux & CentOS 5. x, 5.0 x Debian, Ubuntu 8.04/9.04 7.x/8.x FreeBSD, supporta sia i386 e x86_64.
  • Utilizzato in iRedMail maggior parte dei componenti sono fornita da distribuzioni Linux ufficialmente, vuol dire iRedMail gli utenti possono ottenere supporto aggiornamento software per tutto il tempo per quanto riguarda la distribuzione stessa.
  • Supporta OpenLDAP e MySQL come backend per salvare i domini virtuali e utenti virtuali.
  • Offre un pannello di amministrazione basata sul web.

iRedOS è una distribuzione CentOS 5.5 su misura, dove i pacchetti inutili e sono stati rimossi. Esso viene fornito con l’ultima versione di iRedMail (iredmail0.6.0); consente di installare più rapidamente iredmail e liscia.

 

1 requisiti

Per installare un sistema del genere, sarà necessario quanto segue:

 

2 Nota preliminare

In questo tutorial useremo:

  • Hostname: mail.example.com
  • Indirizzo IP: 192.168.1.10
  • Suffisso LDAP: dc = example, dc = com
  • Il primo dominio virtuale: example.com

 

3 installare la Base System e iRedMail 0.6.0

Boot da iredos. Stampa al prompt boot:

Scegli la tua lingua:

Selezionare il layout di tastiera:

Io sono l’installazione CentOS 5.5 su un sistema di fresco, quindi rispondere  alla domanda vuoi inizializzare questo disco, cancellando tutti i dati?

Ora dobbiamo scegliere uno schema di partizionamento per la nostra installazione. Per semplicità selezionare rimuovere tutte le partizioni sulle unità selezionate e creare layout predefinito.

Rispondere alla seguente domanda (sei sicuro di voler fare questo?) con :

Per le impostazioni di rete. L’impostazione è per configurare le interfacce di rete con DHCP, ma stiamo installando un server, quindi gli indirizzi IP statici non sono una cattiva idea… Fare clic sul pulsante modifica in alto a destra.

Nella finestra che si apre deselezionare utilizzo della configurazione IP dinamico (DHCP) e supporto per abilitare IPv6 e dare la scheda di rete un indirizzo IP statico (in questo tutorial Sto usando l’indirizzo IP 192.168.1.10 a scopo dimostrativo) e una netmask adatta (ad esempio 255.255.255.0):

Set the hostname manually, e.g. mail.example.com, and enter a gateway (e.g. 192.168.1.1) and one DNS servers (e.g. 4.2.2.1 ):

Choose your time zone, don’t select System clock uses UTC:

Give root a password:

The installation begins. This will take a few minutes:

Now the CentOS installation has finished, start to install iredmail; if you selected No, the system would reboot and would not install iredmail.

Choose the directory that will be used to store users’ mailboxes.

Choose the backend to store virtual domains and virtual users. Here we use OpenLDAP.

LDAP suffix, normally it’s your domain name, such as: dc=example,dc=com:

Set password for LDAP server admin: cn=Manager,dc=example,dc=com

Set the MySQL root password:

Add your first virtual domain, e.g.:

Set password for the virtual domain admin: postmaster@example.com, you can log into iRedadmin and Awstats with this account.

Set password for the first normal user www@example.com for the first virtual domain:

Select optional components:

Select the default language for your webmail application:

The installation is now finished, please reboot the machine:

4 verificare il sistema di posta

4.1 RoundCube Webmail

Dal RoundCube 0.31, esso inizia a sostenere plugin. Per impostazione predefinita, iRedMail consente i due plugin “password” e “managesieve”, quindi è possibile modificare la password e impostare un risponditore automatico di vacanza. È inoltre possibile attivare i plugin di altri secondo le vostre esigenze.

Log nel RoundCube, utilizzare il primo utente www@example.com:

L’account ha ricevuto due e-mail, leggerle attentamente.
Nota: poiché www@exmaple.com è un alias della directory principale, riceve email di sistema.

Impostazione di un autoresponder di vacanza:

 

4.2 iRedAdmin Open Source Edition

iRedAdmin Open Source Edition è un pannello di amministrazione web-based iRedMail, consente di aggiungere, rimuovere e modificare i domini, gli utenti e gli account di amministratore di dominio. Se avete bisogno di più funzionalità, è possibile controllare l’ edizione completa.

Log in iRedAdmin: postmaster@example.com

Dashboard:

Domini di posta:

Utenti di posta elettronica:

Amministrazione di mail:

Creare nuovo utente di posta:

Seleziona lingua:

 

phpLDAPAdmin 4,3

Registro in phpLDAPAdmin: cn = manager, dc = example, dc = com

Gestire l’account di posta elettronica:

 

4.4 Awstats

Registro in Awstats: postmaster@example.com

Controllare le statistiche:

 

5 cose importanti che dovreste sapere dopo l’installazione

 

6 FAQ

6.1 perché ricevo la mia email con un ritardo?

iRedMail fornisce funzionalità di greylisting con Policyd (v1.8.x), Greylisting è efficace perché molti strumenti di e-mail di massa utilizzate dagli spammer non sono impostati per gestire errori temporanei (o qualsiasi per quella materia) così lo Spam non è mai ricevuto. Questa funzionalità può ridurre il traffico di posta elettronica fino al 50%, ma causa la prima volta riceverebbe e-mail ritardo. È possibile attivare o disattivare il greylisting.

Su RHEL/CentOS, file di configurazione è /etc/postfix-policyd.conf:

#   1=on  0=off 
GREYLISTING=1

Riavviare Policyd e ricaricare Postfix.

 

6.2 come aggiornare iRedMail alla nuova versione?

È possibile utilizzare YUM per aggiornare i pacchetti. C’è un ufficiale iRedMail Tutorial Upgrade.

 

6.3 come attivare le esclusioni relativi a mail in uscita?

Trovare il sotto linee in /etc/amavisd.conf:

# ------------ Disclaimer Setting ---------------
# Uncomment this line to enable singing disclaimer in outgoing mails.
#$defang_maps_by_ccat{+CC_CATCHALL} = [ 'disclaimer' ];

Decommentare la riga e riavviare il servizio di amavis/amavisd, allora hai capito. Non dimenticate di leggere @disclaimer_options_bysender_maps in /etc/amavisd.conf per le impostazioni del contenuto disclaimer.

 

6.4 procedura batch di creare gli utenti?

È necessario modificare gli script create_mail_user_OpenLDAP.sh in primo luogo, modificare suffisso ldap, associare dn e bind password.

# cd /path/to/iRedMail-x.y.z/tools/
# sh create_mail_user_OpenLDAP.sh domain.ltd user01 Utente02 user03

 

6.5 Anti-Virus & Anti-Spam – come attivare o disattivare la loro?

iRedMail usi Amavisd-new come interfaccia tra MTA e MDA, richiamerà SpamAssassin per anti-spam e ClamAV per anti-virus. È possibile attivare o disattivare in /etc/amavisd.conf.

# @bypass_virus_checks_maps = (1);  # controls running of anti-virus code
# @bypass_spam_checks_maps  = (1);  # controls running of anti-spam code
# $bypass_decode_parts = 1;         # controls running of decoders&dearchivers

Le impostazioni predefinite sono entrambi abilitate, è possibile rimuovere commento li per ignorare (disattivare) li. Valore ‘1’ significa per disabili.

 

6.6 come creare la propria chiave SSL?

Se si desidera creare la propria chiave SSL, è possibile scaricare:

# wget http://iredmail.googlecode.com/hg/iRedMail/tools/generate_ssl_keys.sh

Modificare le informazioni relative nello script:

# SSL key.
export SSL_CERT_FILE="${ROOTDIR}/certs/iRedMail_CA.pem"
export SSL_KEY_FILE="${ROOTDIR}/private/iRedMail.key"
export TLS_COUNTRY='CN'
export TLS_STATE='GuangDong'
export TLS_CITY='ShenZhen'
export TLS_COMPANY="${HOSTNAME}"
export TLS_DEPARTMENT='IT'
export TLS_HOSTNAME="${HOSTNAME}"
export TLS_ADMIN="root@${HOSTNAME}"

Eseguire lo script:

# bash generate_ssl_keys.sh

Chiavi SSL sono stati generati:
-/root/certs/iRedMail_CA.pem
-/root/private/iRedMail.key

Eseguire il backup del vecchio ssl_key e copiare la nuova chiave per:

/etc/PKI/TLS/certs/iRedMail_CA.pem 
/etc/PKI/TLS/private/iRedMail.Key

Piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp