Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Come installare Joomla 3.9 su Ubuntu 20.04

Joomla è un pluripremiato sistema di gestione dei contenuti (CMS) che viene utilizzato per la realizzazione di siti web dinamici. È open-source ed è disponibile gratuitamente sotto licenza GPL (general public license). È sulla base di un model–view–controller quadro. Poteri milioni di siti web in tutto il mondo. Può essere utilizzato per sviluppare siti web per scopi differenti, come i siti web aziendali, riviste on-line, e-commerce, portali, etc. Joomla ha grande comunità di utenti per fornire supporto.

Vantaggi dell’Utilizzo di CMS Joomla

  • Joomla offre molte estensioni di terze parti, dalla sua estensione directory e queste estensioni sono verificati.
  • Un sacco di gratuiti e a pagamento i modelli di alta qualità può essere utilizzato per creare un sito web personalizzato.
  • È dotato di potenti strumenti SEO per fornire prestazioni ottimali relative al motore di ricerca di query.
  • Con il supporto di una vasta comunità di sviluppatori, designer, ecc, Joomla vive con il concetto di “per sempre Gratis software Open Source”.
  • Prendere la sicurezza al livello successivo, Joomla ha l’autenticazione a due fattori e avanzate funzionalità di controllo dell’accesso.
  • Oltre 70 lingue sono supportate out of the box il compito di costruire un sito web multilingue molto semplice.
  • Alimenta circa 2 milioni di siti web che sono attivi in tutto il mondo.

Che cosa abbiamo di copertura?

In questa guida impareremo ad installare il CMS Joomla su Ubuntu 20.04. Al momento della scrittura di questo articolo, è disponibile una versione stabile di Joomla 3.9.27. La versione 4 è attualmente in versione beta. Tuffiamoci nel processo di installazione.

Controllo Pre-Volo

Prima di iniziare ad installare Joomla su Ubuntu 20.04, controllare i requisiti tecnici per Joomla 3.x versione.

  • PHP ≥ 5.3.10 (Raccomandato 7.3 +)
  • MySQL ≥ 5.5.3 (Raccomandato 5.1 +)
  • Apache ≥ 2.0 (Consigliata 2.4 +)
  • Un account utente con privilegi amministrativi o ‘sudo’ privilegi.
  • Accesso a internet.

Installazione di Apache, MySQL e PHP (LAMP Stack)

Joomla richiede Apache, MariaDB (Mysql) server e php per il server web.

Passo 1. Per installare Apache, MariaDB (MySql, PHP e altre dipendenze in una volta, utilizzare il seguente comando:

sudo apt install apache2 mariadb-server php7.4 libapache2-mod-php7.4 php7.4-cli php7.4-mysql php7.4-json php7.4-opcache php7.4-mbstring php7.4-intl php7.4-xml php7.4-gd php7.4-zip php7.4-curl php7.4-xmlrpc
Esempio di Output:
Lettura elenco dei pacchetti... Fatta la
generazione dell'albero delle dipendenze 
Lettura informazioni sullo stato... Fatto
I seguenti pacchetti aggiuntivi saranno installati:
 apache2-bin apache2-dati apache2-utils galera-3 gawk libaio1 libapr1
 libaprutil1 libaprutil1-dbd-sqlite3 libaprutil1-ldap libcgi-veloce-perl
 libcgi-pm-perl libconfig-inifiles-perl libdbd-mysql-perl libdbi-perl
 libfcgi-perl libhtml-modello-perl liblua5.2-0 libonig5 libreadline5
 libsigsegv2 libsnappy1v5 libterm-readkey-perl libxmlrpc-epi0 libzip5
 mariadb-client-10.3 mariadb-client-core-10.3 mariadb-comune
 mariadb-server-10.3 mariadb-server-core-10.3 php-comune php7.4-comune
 php7.4-readline socat
Installare Apache, PHP MariaDB

Passo 2. Ora che l’Apache e MariaDB sono installati, siamo in grado di avviare e attivare questi servizi utilizzando il comando:

sudo systemctl start apache2 mariadb
sudo systemctl enable apache2 mariadb

Avviare e Attivare Apache MariaDB servizi

L’Impostazione Di MariaDB Server

Passo 3. Dopo l’installazione di MariaDB server, vai su ‘mysql_secure_installation‘ script per proteggere il database:

 sudo mysql_secure_installation

Rispondere alla serie di domande che appariranno sullo schermo e scegliere le impostazioni come desiderato. Abbiamo fornito le risposte per il nostro caso, nel testo in grassetto, come illustrato di seguito:

Enter current password per l'utente root (invio per nessuno) : [Premere il tasto invio]
Impostare la password di root? [Y/n] [Premere y e inserire una nuova password e re-enter " per confermare]
Rimuovere utenti anonimi? [Y/n] [ y]
Disabilitare il login di root da remoto? [Y/n] [y]
Rimuovere il database di test e l'accesso ad esso? [Y/n] [y]
Ricaricare tabelle dei privilegi di ora? [Y/n] [y]

Protezione MySQL

Questo è tutto, ora possiamo passare alla configurazione del database per Joomla.

Passo 4. Se tutto è stato impostato correttamente, siamo pronti per fare il login MariaDB server e creare un database ‘test_db’ e un utente ‘test_user’ con password ‘howtoforge’. Questi passaggi sono spiegati di seguito:

1. Accesso a MariaDB server di database:

 sudo mysql -u root

2. Creare un database denominato come “test_db” utilizzando il comando:

creare database test_db;

3. Creazione di un utente denominato come “test_user” con il comando:

crea utente "test_user'@'localhost' identified by 'howtoforge';

4. Dare le autorizzazioni necessarie per l’utente sopra indicato mediante l’esecuzione di:

grant all privileges on test_db.* a 'test_user'@'localhost';

5. Ora basta ricaricare la concessione di tabelle per lavare i privilegi:

flush privileges;

6. Finalmente si esce database utilizzando il comando:

uscita;

L'aggiunta di database, database utente, password del database

Il download e la Configurazione di Joomla

Passaggio 5. Ora siamo pronti per scaricare il file di installazione di Joomla e configurarlo. Aprire una finestra di terminale e scaricare il file utilizzando il ‘wget’ di comando. Si può anche scaricare il file dal sito ufficiale direttamente, ma per ora ci si sposterà con la ex strada:

wget-O joomla.tar.bz https://downloads.joomla.org/cms/joomla3/3-9-27/Joomla_3-9-27-Stable-Full_Package.tar.bz2

Il download di file di installazione di Joomla
Passaggio 6. Ora, fare una directory ‘joomla3.9.27’ per l’installazione di joomla all’interno di apache web directory radice (/var/www/html):

sudo mkdir /var/www/html/joomla3.9.27

Passaggio 7. Estrarre l’archivio scaricato il file all’interno della directory di installazione di joomla che abbiamo appena creato:

sudo tar-xjf joomla.tar.bz -C /var/www/html/joomla3.9.27

creare la directory di installazione di Joomla ed estrai il file qui

Passaggio 8. Ora si procederà con l’impostazione della richiesta di proprietà e autorizzazione per joomla directory. Per questo eseguire i seguenti comandi:

sudo chown -R www-data:www-data /var/www/html/joomla3.9.27/
sudo chmod -R 755 /var/www/html/joomla3.9.27/

impostazione di proprietà e autorizzazione per joomla directory

La Configurazione Di Apache Web Server

Passaggio 9. A quel punto, si creerà un nuovo file di configurazione di joomla.conf’ essere utilizzato con Joomla. Creare il file con qualsiasi editor di testo come il ‘nano’:

sudo nano /etc/apache2/sites-available/joomla.conf

All’interno del file, inserire la seguente voce e salvare il file:

<VirtualHost *:80>
 DirectoryIndex index.html index.php
 DocumentRoot /var/www/html/joomla3.9.27

 Log degli errori di ${APACHE_LOG_DIR}/errore.registro
 CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/accesso.registro combinato

<Directory "/var/www/html/joomla3.9.27"> 
DirectoryIndex index.html indice.html.var index.php
 Options FollowSymlinks
 Allowoverride All
 Richiedono tutti concessi
 </Directory>
</VirtualHost>

Passo 10. Per consentire al nostro nuovo virtual host del file, prima di disattivare il sito predefinito di configurazione con il comando:

sudo a2dissite 000-default.conf

Ora attivare il nuovo sito, utilizzando:

sudo a2ensite joomla.conf

Esempio Di Output:

Attivazione di un sito joomla.
Per attivare la nuova configurazione, è necessario eseguire:
 / etc / apache2 reload

 

Passo 11. Per le modifiche abbiano effetto, ricaricare il servizio di apache con:

sudo / etc / apache2 reload

O è anche possibile riavviare il servizio apache facendo uso del comando di riavvio:

sudo / etc / apache2 restart

La Configurazione Di Apache

L’impostazione di Joomla dal browser

Da ora in poi dobbiamo solo utilizzare il browser web per configurare Joomla.

Passo 12. Le impostazioni e le configurazioni da riga di comando sono tutti insieme ora, passiamo ora con ulteriori passi dal browser fine. Aprire il browser web (Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc) e vai all’url:

http://localhost/ (Se sono in via di sviluppo locale, ambiente di sviluppo)

o

http://system_ip/ ( utilizzare il vostro indirizzo IP )

Passo 13. Sulla pagina web visualizzata dopo il passaggio di cui sopra, selezionare una lingua dal menu a discesa menu e all’interno di la ‘Configurazione’ sezione, compilare i dettagli come il nome del sito, l’indirizzo email, la descrizione del sito, ecc.

Inserire descrizione del sito

Passo 14. Ora dobbiamo collegare il MariaDB database con le nostre Joomla server. Per questo, inserire i dati del database di configurazione che abbiamo utilizzato in precedenza. Questo include il nome utente del database, il nome del database e la password del database. Fare clic su “Avanti” per continuare:

Connettersi al database
Passo 15. Su questa pagina, è possibile controllare le impostazioni impostate finora e controllare le impostazioni consigliate e note di pre-installazione. Se tutto è impostato correttamente, si può continuare, altrimenti tornare indietro e correggere qualsiasi errore presente:

Rivedere le impostazioni

Passo 16. Quando si entra pulsante “Installa” sulla pagina, di installazione di Joomla dovrebbe iniziare, come illustrato di seguito:

l'installazione di joomla è ora

Passo 17. Quando l’installazione è completa si veda la pagina sotto. Ti verrà chiesto di rimuovere la cartella di installazione per motivi di sicurezza. Basta fare clic sul pulsante “Rimuovi “installazione” cartella” per rimuovere la cartella.

Joomla è installato ora

Conclusione

In questa guida, abbiamo dimostrato con successo la procedura di installazione del CMS Joomla su Ubuntu 20.04 sistema. Se si desidera esplorare più funzioni del CMS Joomla, provare a costruire un sito web o un blog e la sua esperienza di numerose funzioni con i plugin disponibili.

Piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp