Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Guide Open Source

GUIDE E MANUALI DEL MONDO LINUX E CMS

Come impostare WebDAV con Apache2 su Debian Etch

Questa guida spiega come impostare WebDAV con Apache2 su un server Debian Etch. WebDAV è sinonimo di Web-based Distributed Authoring and Versioning ed è un insieme di estensioni del protocollo HTTP che consentono agli utenti di modificare direttamente i file sul server Apache in modo che non devono essere scaricati/caricati tramite FTP. Naturalmente, WebDAV può essere utilizzato anche per caricare e scaricare file.

Io non rilasciano alcuna garanzia che questo funziona per voi!

 

1 Nota preliminare

Sto usando un server Debian Etch con la IP indirizzo 192.168.0.100 qui.

 

2 installazione di WebDAV

Se Apache non è già installato, è possibile installarlo come segue:

apt-get install apache2

In seguito, consentono ai moduli di WebDAV:

a2enmod dav_fs
a2enmod dav

Ricaricare Apache:

/etc/init.d/apache2 force-reload

 

3 creazione di un Host virtuale

Ora creo un vhost Apache predefinito nella directory /var/www/web1/webPer questo scopo, modificherà la configurazione predefinita Apache vhost /etc/apache2/sites-available/defaultSe hai già un vhost per il quale si desidera abilitare WebDAV, è necessario regolare questo tutorial alla vostra situazione.

In primo luogo, creiamo la directory /var/www/web1/web e rendere l’utente Apache (www-data) il proprietario della directory:

mkdir -p /var/www/web1/web
chown www-dati /var/www/web1/web

Quindi abbiamo backup della configurazione di default Apache vhost (/etc/apache2/sites-available/default) e creare la nostra propria uno:

MV /etc/apache2/sites-available/default. /etc/apache2/sites-available/default_orig
vi /etc/apache2/sites-available/default

NameVirtualHost *
<VirtualHost *>
        ServerAdmin webmaster@localhost

        DocumentRoot /var/www/web1/web/
        <Directory /var/www/web1/web/>
                Options Indexes MultiViews
                AllowOverride None
                Order allow,deny
                allow from all
        </Directory>

</VirtualHost>

Quindi ricaricare Apache:

/etc/init.d/apache2 reload

 

4 configurare l’Host virtuale per WebDAV

Ora creiamo il file di password WebDAV /var/www/web1/passwd.dav con l’utente di prova (l’opzione – c crea il file se non esiste):

htpasswd -c /var/www/web1/passwd.dav test

Verrà chiesto di digitare una password per l’utente di prova.

Useremo poi la URL http://192.168.0.100/webdav per connettersi a WebDAV. Quando si esegue questa operazione su un client Windows XP e digitare il nome utente di prova, Windows questo si traduce in 192.168.0.100\testQuindi creiamo un secondo account utente ora (senza il -c passare perché il file delle password è già esistente):

htpasswd /var/www/web1/passwd.dav 192.168.0.100\\test

(Sarà necessario utilizzare una seconda barra rovesciata di qui il nome utente per sfuggire quella prima!)

Now we change the permissions of the /var/www/web1/passwd.dav file so that only root and the members of the www-datagroup can access it:

chown root:www-data /var/www/web1/passwd.dav
chmod 640 /var/www/web1/passwd.dav

Now we modify our vhost in /etc/apache2/sites-available/default and add the following lines to it:

vi /etc/apache2/sites-available/default
[...]
        Alias /webdav /var/www/web1/web

        <Location /webdav>
           DAV On
           AuthType Basic
           AuthName "webdav"
           AuthUserFile /var/www/web1/passwd.dav
           Require valid-user
       </Location>
[...]

La direttiva Alias rende (insieme a < posizione >) che quando si chiama /webdav, WebDAV viene richiamato, ma è comunque possibile accedere la radice di tutto il documento del vhost. Tutti gli altri URL di quel vhost sono ancora “normale” HTTP.

Il vhost finale dovrebbe assomigliare a questo:

NameVirtualHost *
<VirtualHost *>
        ServerAdmin webmaster@localhost

        DocumentRoot /var/www/web1/web/
        <Directory /var/www/web1/web/>
                Options Indexes MultiViews
                AllowOverride None
                Order allow,deny
                allow from all
        </Directory>

        Alias /webdav /var/www/web1/web

        <Location /webdav>
           DAV On
           AuthType Basic
           AuthName "webdav"
           AuthUserFile /var/www/web1/passwd.dav
           Require valid-user
       </Location>
</VirtualHost>

Ricaricare in seguito Apache:

/etc/init.d/apache2 reload

 

5 test WebDAV

Ora installeremo il cadavere, un client WebDAV da riga di comando:

apt-get install cadaver

Per testare se funziona WebDAV, digitare:

cadaver http://localhost/webdav/

Verrà richiesto un nome utente. Tipo in prova e poi la password per l’utente di provaSe tutto va bene, si dovrebbe essere concesso l’accesso che significa che WebDAV sta funzionando bene. Digitare quit per lasciare la shell di WebDAV:

Server1: ~ # cadavere http://localhost/webdav/
Autenticazione richiesta per test sul server ‘localhost’:
Username: prova
Password:
DAV: / webdav/> quit
Connessione a ‘localhost’ chiusa.
Server1: ~ #

Piaciuto l'articolo? Condividilo sui social!

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp